1

S__139755563

S__139755564

S__139755565

S__139755566

S__139755567

[Kutaniyaki]

Il Kutaniyaki (Kutani ware) è una delle porcellane colorate rappresentative del Giappone. Quando ho visitato l'area di produzione di Kutaniyaki, sono rimasto spesso colpito dalle audaci e splendide smaltature in colori unici come il verde, il viola e il giallo, tipiche di Kutaniyaki.

Il Kutaniyaki è nato nel villaggio di Kutani, nella contea di Enuma, nella provincia di Kaga, oggi Yamanaka Town, nella città di Kaga, nella prefettura di Ishikawa, e si dice che sia stato prodotto intorno al 1665, quando il clan Daishoji scoprì le pietre per la produzione di porcellana nel villaggio di Kutani durante lo sviluppo di una miniera nel loro dominio. La ceramica di Kutani prodotta in questo periodo, all'inizio del periodo Edo, è chiamata "Ko-Kutani". Tuttavia, per ragioni ancora poco chiare, la produzione di Ko-Kutani fu interrotta solo circa 50 anni dopo l'apertura del forno.

Per circa 100 anni dopo la chiusura del forno, il Kutaniyaki rimase in uno stato di limbo e la ceramica giapponese fu dominata dall'Imariyaki. Tuttavia, il successo dell'industria della porcellana a Seto nel tardo periodo Edo portò il clan Kaga a invitare Aoki Mokubei di Kyoto ad aprire la fornace Kasuga-yama a Kanazawa nel 1806 (Bunka 3). A partire da questo momento, numerosi forni, come il forno Wakasugi e il forno Yoshidaya, furono installati in tutta la regione di Kaga e il Kutaniyaki conobbe una rinascita. I prodotti di questi forni sono chiamati "Kutaniyaki ricreati". Tutti questi forni producevano oggetti di uso quotidiano con l'obiettivo di diventare più orientati all'industria e gli stili distintivi di ciascun forno sono all'origine dell'attuale Kutaniyaki.

Il Kutaniyaki è noto per il suo smalto sovrasmaltato. Uezashi si riferisce alla tecnica di dipingere motivi con pigmenti sullo smalto della ceramica dopo la cottura e la ri-cottura ed è ampiamente utilizzata nel Kutaniyaki e nell'Aritayaki. Gli stili di pittura del Kutaniyaki includono il "Gosai-te" (comunemente noto come "Kutani Gosai"), in cui cinque colori (rosso, giallo, verde, viola e blu navy) sono utilizzati per disegnare motivi pittoreschi e realistici; "Aote", in cui vengono utilizzati verde, giallo, viola e blu marino e l'intero recipiente viene ricoperto di pigmenti colorati come nel "Nuriume"; "Akae (Kinran)", in cui il rosso e l'oro vengono utilizzati per disegnare motivi fini (chiamati "Hosogaki") sull'intero recipiente.

Durante la mia visita a diversi forni, ho percepito che la natura industriale del Kutaniyaki e la pittura dettagliata da parte degli artigiani sono le caratteristiche principali del Kutaniyaki, in base al volume di produzione e ai metodi di produzione, ma come già detto, ogni forno ha il proprio stile di pittura. Ho visitato il "Museo d'Arte del Kutaniyaki" e il "Kutanimangetsu", dove è possibile vedere molte opere di Kutaniyaki in una sola volta, quindi vi invito a confrontare le opere di diversi forni e a tracciare le radici e la storia del Kutaniyaki.

Museo d'arte Kutaniyaki
http://www.kutani-mus.jp/en/
Kutani Mangetsu
https://www.mangetsu.co.jp/history.html

Riferimenti
https://ja.wikipedia.org/wiki/%E4%B9%9D%E8%B0%B7%E7%84%BC
https://nanao-araki.com/traditional_craft/kutani.html

1

2

3

4

[Comunicazione di revisione dei prezzi]

A partire dal 2024/4/16, alcuni articoli aumenteranno di prezzo a causa dell'aumento dei costi delle materie prime. Se state pensando di acquistarli, vi preghiamo di effettuare l'ordine prima di questa data.

"THE" ampolla per salsa di soia
https://www.shokunin.com/it/the/
Sori Yanagi Bone China Creamer di Nikko
https://www.shokunin.com/it/nikko/

1

2

3

[Fazzoletto Kokura-ori di Kiya è stato aggiunto]

Sin dall'inizio del periodo Edo, il Kokura-ori è una specialità apprezzata del clan Buzen-Kokura. Nella storia si dice che anche Tokugawa Ieyasu e Sakamoto Ryoma ne fossero i mecenati. Il kokura-ori è realizzato con filati di cotone sottili ad alta densità, che lo rendono spesso e resistente, con una consistenza lucida e liscia, e anche un po' di umidità può essere respinta sulla superficie del tessuto. Il Kokura-ori è decaduto dopo il periodo Taisho (1912-1926) e ha cessato di esistere all'inizio del periodo Showa (1926-1989), ma è stato ripristinato nel 1984 dalla signora Noriko Tsuiki, un'artista della tintura e della tessitura, e il Kokura-ori ha ripreso la sua storia.

Il Kokura-ori originale di Kiya è stato creato con la generosa collaborazione della signora Noriko Tsuiki e della Kokura Creation, che produce prodotti Kokura-ori con il marchio "Shima Shima". Il processo di produzione è iniziato con un prototipo di tessuto blu navy ispirato alla tenda blu navy, simbolo di Kiya. Da un unico pezzo di tessuto sono stati selezionati 96 campioni e, intrecciando fili nero legno e indaco scuro, è stato creato un tessuto "Kiya blu navy" semplice ma profondo, chiamato "kon shimofuri".

Il fazzoletto Kokura-ori è realizzato in "konshima shimofuri", che esprime un colore profondo con sfumature aggiungendo strisce dello stesso colore al blu navy Kiya. È un po' spessa, solida e comoda da usare. L'elegante fondo marmorizzato a strisce blu navy è facile da usare per tutte le età e tutti i sessi ed è un regalo ideale.

Fazzoletto Kokura-ori di Kiya
https://www.shokunin.com/it/kiya/kokuraori.html