1

2

3

4

I modelli Kakukan e Marukan di SyuRo sono ora in mostra presso gli showroom di Wakamatsu, Ginza e Sanjo. Venite a trovarci questo fine settimana.

Informazioni sullo showroom
https://www.shokunin.com/it/showroom/
Kakukan di SyuRo
https://www.shokunin.com/it/syuro/kakukan.html
Marukan di SyuRo
https://www.shokunin.com/it/syuro/marukan.html

no title

1

2

3

4

[Sushi di pollo teriyaki]

In vista del Setsubun, abbiamo provato a utilizzare il pollo teriyaki come ripieno per ehoumaki e oshizushi.

Per l'ehoumaki, il dashimaki, che viene grigliato più saldamente del solito, e l'avocado vengono arrotolati insieme. Per l'oshizushi, il nori e l'avocado sono disposti tra il riso per sushi e infine il pollo teriyaki tagliato, il dashimaki e l'avocado sono disposti sopra e leggermente pressati.

La combinazione di pollo teriyaki succoso, dashimaki con un pizzico di brodo di zuppa e avocado morbido si sposa perfettamente e, soprattutto, il volume del piatto lo rende un pasto molto soddisfacente. La quantità di riso utilizzata per il sushi rice è di 2,5 tazze, più che sufficiente per due persone, ed è consigliata per feste con un numero ridotto di persone.

Facile da preparare e sostanzioso. Provate questo sushi di pollo teriyaki!

Scatola di sushi pressato Yamaichi
https://www.shokunin.com/it/yamaichi/oshi.html
Tagliere di formaggi di Yoshita Handi-Design Studio
https://www.shokunin.com/it/yoshita/cheese.html
Sushimaki di Kiya
https://www.shokunin.com/it/kiya/sushimaki.html
Piatto di Ichiyougama
https://www.shokunin.com/it/ichiyou/plate.html

a

b

c

d

e

[Paesaggio urbano di udatsu]

"Udatsu ga agaranai (うだつが上がらない)" è una parola usata nel senso di non essere finanziariamente fortunati, non essere in grado di andare avanti nella vita o non essere benedetti da buone circostanze. "Udatsu" è scritto per lo più in hiragana e non avevo mai prestato attenzione a cosa fosse "udatsu", che non sono abituata a sentire nella vita quotidiana, ma questo viaggio a Tokushima mi ha permesso di imparare la vera identità di "udatsu".

Il paesaggio urbano udatsu si trova a Wakimachi, nella città di Mima, nella prefettura di Tokushima. Affacciata sul fiume Yoshino, l'area prosperò come luogo di raccolta dell'indaco di Awa fin dal periodo Edo (1603-1867) perché era adatta al trasporto in barca. Sulla strada principale, che si estende per circa 430 metri, sono rimaste 85 case a schiera risalenti al periodo Edo e all'inizio del periodo Showa, e l'area è stata selezionata come importante distretto di conservazione per i gruppi di edifici tradizionali dall'Agenzia per gli Affari Culturali. Entrando nelle file di case a schiera, mi è sembrato di fare un salto indietro nel tempo fino al periodo Edo e sono rimasta colpita dagli sforzi e dall'impegno della popolazione locale che ha conservato e tramandato con cura le case a schiera fino a oggi. Come suggerisce il nome del paesaggio urbano, le case a schiera qui allineate sono caratterizzate dai loro udatsu (tetti in legno). Gli udatsu sono pareti a forma di manica intonacata che sporgono dai muri del secondo piano delle minka (case private) del periodo Edo. In origine, gli udatsu erano installati per proteggere dal fuoco, ma poiché la loro installazione costava molto, gradualmente assunsero un significato più decorativo e divennero un simbolo di ricchezza e successo. Nel periodo Edo (1603-1867), i ricchi mercanti che avevano raggiunto il successo facevano a gara per costruire case con magnifici udatsu, il che si pensa sia all'origine dell'espressione "udatsu ga agaranai", che significa che non si può andare avanti nella vita o avere successo per quanto a lungo si rimanga senza successo.

L'Ai, che ha sostenuto lo sviluppo della città, è stato favorito dagli abitanti del periodo Edo come un colore "chic" che diventava più sofisticato con l'uso, ed è stato utilizzato in vari aspetti della vita quotidiana, come kimono, furoshiki (panni per avvolgere) e noren (tende di bambù). Nelle zone rurali, i kimono di cotone tinto di indaco erano apprezzati anche per la loro resistenza alle macchie e agli insetti. Il colore indaco alla moda fu utilizzato anche nelle opere dei principali artisti ukiyoe di Edo, come Katsushika Hokusai e Utagawa Hiroshige, e le tintorie chiamate "Aoya" e "Konya" apparvero come soggetti nelle loro opere. Robert William Atkinson, un chimico inglese che venne in Giappone come straniero assunto dalla fine del periodo Edo all'inizio del periodo Meiji e che condusse anche ricerche sui coloranti, chiamò il colore indaco visto ovunque in Giappone "blu Giappone". Ammiro il suo buon senso nel dare un nome al colore indaco, che è stato strettamente associato al senso di bellezza e allo stile di vita giapponese, e allo stesso tempo mi chiedo come lo descriverebbe se visitasse il Giappone moderno. Le pareti intonacate di bianco puro del paesaggio urbano di udatsu esaltavano il blu dell'indaco e costituivano un meraviglioso ricordo del paesaggio giapponese come Robert lo avrebbe visto oggi. Ci auguriamo che molte persone visitino questo luogo.

Abbiamo una varietà di prodotti che possono portare il blu del Giappone nella vostra vita quotidiana. Date un'occhiata.

Hijiki di Marukawa Shoten
https://www.shokunin.com/it/marukawa/hijiki.html
Shijimi di Marukawa Shoten
https://www.shokunin.com/it/marukawa/shijimi.html
Azuma Bukuro di Marukawa Shoten
https://www.shokunin.com/it/marukawa/azuma.html

Riferimenti
https://www.city.mima.lg.jp/kanko/map/list/11506.html
https://www.yomiuri.co.jp/column/japanesehistory/20210614-OYT8T50079/
https://ja.wikipedia.org/wiki/%E3%83%AD%E3%83%90%E3%83%BC%E3%83%88%E3%83%BB%E3%82%A6%E3%82%A3%E3%83%AA%E3%82%A2%E3%83%A0%E3%83%BB%E3%82%A2%E3%83%88%E3%82%AD%E3%83%B3%E3%82%BD%E3%83%B3
https://www.ndl.go.jp/landmarks/details/detail023.html (Utagawa Hiroshige, "Meisho Edo Hyakkei: Kanda Konyacho")